#smArt_grounding residences//1 @ Tenuta la Favola

#smArt_grounding residences//1 @ Tenuta la Favola

#smArt_grounding residences//1

@ Tenuta la Favola

dal 19 al 25 ottobre 2015

Tamar Hayduke e Arsen Babajanyan

OGGI [un luogo dove accadono i mondi]

24 ottobre 2015 h 19.30

live performance in parole e musica

Chiostro dell’Ex Convento dei Cappuccini

Largo Pantheon, Noto SR

 

#bridge art @ CANOVA22

27 ottobre 2015 dalle h. 18.00

Tamar Hayduke e Arsen Babajanyan

live performance in parole e musica

CANOVA22

via Antonio Canova, 22 Roma

 

 

Lunedì 19 ottobre 2015, Bridge Art format di arte contemporanea e residenze, ideato e diretto da Lori Adragna & Valeria Valenza,in collaborazione con l’Associazione Culturale Sciami e con il patrocinio del Comune di Noto, inaugurerà la prima residenza #smArt_grounding @ Tenuta La Favola: brevi soggiorni di artisti immersi nella natura del Val di Noto, dove l’essere “radicati” (grounded) equivale al sentirsi in contatto fisico ed emotivo con l’ambiente, ritrovando attraverso la propria creatività il senso di connessione profonda con la vita e con gli altri. 

Il progetto OGGI [un luogo dove accadono i mondi],presentato da Q&A Projects,vede affiancatil’autrice Tamar Hayduke e il compositore Arsen Babajanyan; quest’ultimo, di nazionalità armena, vive in Germania, la sua formazione in contesti diversi arricchisce il suo bagaglio e segna la sua musica. Lo stesso vale per Hayduke, siriano-armena che vive e lavora in Italia.

Questa residenza che si svolgerà fino al 25 ottobre 2015 avrà come risultato la realizzazione di un evento reading, un’opera interculturale che conterrà sonorità italiane, tedesche, siriane e doppie armene.Un lavoro in parole e musica che testimonia come l’interesse per la modulazione vocale e per la voce come strumento, sia uno dei punti d’incontro più evidenti dei percorsi dei due artisti.

OGGI, scrive la Hayduke, “è un’opera poetica, è una sequenza di versi che delimitano inquadrature di significati e significanti, accostati e sovrapposti”.

Sabato 24 ottobre 2015 alle ore 19.30 Tamar Hayduke e Arsen Babajanyan presenteranno come esito della residenza una live performance in parole e musicaall’interno della suggestiva cornice settecentesca del chiostro dell’Ex Convento dei Padri Cappuccini nel cuore del barocco netino.

 

Martedì 27 ottobre 2015 dalle ore 18 il progetto OGGI [un luogo dove accadono i mondi] con gli artisti Tamar Hayduke e Arsen Babajanyan, sfocerà in un evento curato da Bridge Art e arricchito da un intervento di Maria Arcidiacono, presso lo spazio CANOVA22 di Roma. L’antica fornace del famoso scultore è un luogo unico per l’arte contemporanea concepito come un’emotional room. Quasi maternale involucro a proteggere e riverberare la dimensione sonoro-musicale originaria -quale vissuto primordiale d’ogni essere umano- si farà qui da cassa di risonanza della memoria perduta, trasformandola in esperienza collettiva.

 

*****************************

 

Tamar Hayduke è nata ad Aleppo, Siria nel 1981. È laureata in giornalismo all’Università Statale di Yerevan nel 2003. Ha frequentato un corso di Master in Arabistica nel 2005, nel Dipartimento di Orientalismo presso la stessa università. Ha studiato canto sotto la guida di insegnanti di tecnica vocale in Armenia e in Italia. È fondatore direttore di Q&A Projects (2010), che si occupa di attività giornalistica e artistica con iniziative e collaborazioni nel campo dell’editoria, della produzione multimediale e l’organizzazione di eventi e mostre d’arte.

La sua prima opera «OGGI» è pubblicata da Numero Cromatico, Roma 2015.

Arsen Babajanyan è nato a Yerevan, Armenia nel 1986. È laureato in Composizione (prof. Levon Chaushyan) dal Conservatorio Statale “Komitas” Yerevan. Ha una Laurea Magistrale in Canto Lirico (prof. Sergey Danielyan) rilasciato dallo stesso istituto. Ha conseguito un Dottorato di Ricerca in Arte (2010) presso l’Accademia Nazionale delle Scienze della Repubblica di Armenia (prof. Mikhail Kokzhayev). Nel 2012, vincendo una borsa di studio dal Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale della Repubblica Polacca, ha seguito un programma di sei mesi sotto la guida del compositore Pawel Mykietyn a Varsavia. 

Nel 2015 ha conseguito il Master in Composizione all’Università per Musica e Teatro di Monaco di Baviera con il professore Jan Müller-Wieland. Arsen Babajanyan è vincitore di una serie di concorsi nazionali e internazionali; per menzionarne alcuni: Primo Premio al Pre-Art Competition for Composition 2014, Zurigo, Svizzera, per la sua composizione “Traerp”. Premio alla Miglior Colonna Sonora al Concorso di Zubroffka Short Film Festival 2014, Bialystok, Polonia, per il film “The Shepherd’s Song”.  Babajanyan ha riconoscimenti anche nel campo della letteratura. Ha pubblicato quattro libri e numerosi articoli. È cofondatore e presidente dell’ “Associazione dei Giovani Compositori e Interpreti Armeni” fondata nel 2010 e che, all’interno della sua attività, ha organizzato una serie di concerti e di eventi, sia in Armenia che all’estero. È membro del comitato di redazione di cultural.am, il sito ufficiale della “Cultural Society NGO” che organizza attività culturali tra workshop, seminari, corsi, concerti, mostre e conferenze.                                                                                                     Arsen Babajanyan ha scritto musica da camera, musica sinfonica, musica per cinema e per teatro.

 

 

*****************************

BRIDGE ART                                                                                                                                                                                                                   Direzione: Valeria Valenza                                                                                                                                                                                                  Direzione artistica: Lori Adragna

Nel 2013, da un’idea di Valeria Valenza, germanista e scrittrice specializzata in didattica delle civiltà̀, nasce il progetto La Favola_Bridge che si sviluppa fra la Val di Noto, nella Tenuta La Favola di Noto, e gli Stati Uniti. Concepito a New York da Valenza con l’apporto di Cristina Bertarelli, economista e coach specializzata in approccio e sostegno alle expats, pone l’attenzione sulle diversità̀ culturali per allontanare e sostituire il vuoto relazionale e lo sradicamento sociale, affettivo e identitario che si determina in individui che si approcciano a civiltà̀ diverse, auspicando una convivenza pacifica e l’integrazione culturale attraverso una maggiore consapevolezza e conoscenza di sé e della natura. I contatti con gli States, tenuti da Valenza che cura anche la direzione del progetto, concorrono ad internazionalizzare l’isola siciliana da sempre crocevia e collegamento fra Est e Ovest, Nord e Sud, mondi apparentemente non comunicanti che qui si sono fusi armonicamente. Altro obiettivo, è quello di educare i giovani al cambiamento, e in merito a ciò̀ il progetto è stato presentato all’UNIS – Scuola Internazionale delle Nazioni Unite – formulando un programma-studio di ospitalità̀ presso la Tenuta, basato su strategie di grounding. All’interno di La Favola – Bridge nasce nel 2015 Bridge art associazione no profit che si sviluppa nell’ambito dell’arte contemporanea con la direzione artistica di Lori Adragna. Bridge Art è uno spazio fisico e insieme concettuale. Il suo cuore pulsante è la Tenuta La Favola nel Val di Noto, un luogo simbolico dalla natura potente, patrimonio dell’uomo e dal 2002 Patrimonio dell’Umanità̀ Unesco. Bridge art è una visione condivisa, un laboratorio di sperimentazione delle più̀ recenti ricerche del contemporaneo. Bridge art è piattaforma multiculturale, ponte per mettere in collegamento realtà̀ straniere e italiane; la Tenuta facendosi aggregatore e modello di collaborazione tra soggetti differenti raccoglie e diffonde visioni e materiali, pensieri e opere. Gli artisti, respirando le suggestioni del luogo e vivendone le poliedriche realtà̀ naturalistiche, culturali, storiche artistiche e sociali, possono incontrarsi, esplorarsi, contaminarsi, ritrovarsi, farsi comunità̀ favorendo un percorso creativo che apra e si apra a nuove riflessioni, proposte e relazioni, allo scambio e all’integrazione, al continuo e proficuo rinnovamento di idee che sia insieme occasione di crescita e sviluppo umano, artistico ed economico.

 

 

INFO

# bridge art @ Chiostro dell’ex Convento dei Padri Cappuccini

sabato 24 ottobre 2015 alle h 19.30

Partecipazione di Tamar Hayduke e Arsen Babajanyan/Bridge Art

live  performance in parole e musica

Noto (SR), Largo Pantheon

 

# bridge art @ CANOVA22

martedì 27 ottobre 2015 dalle h 18

Partecipazione di Tamar Hayduke e Arsen Babajanyan/Bridge art

Roma, http://www.canova22.com

 

 

UFFICIO STAMPA

bridgeart.press@gmail.com

info.bridgeart@gmail.com

http://www.tenutalafavola.it/tenutalafavola
Facebook page https://www.facebook.com/bridgeart15

 

 

2017-06-16T23:02:40+00:00 19 Ottobre 2015|0 Comments

Leave A Comment

20 − cinque =